Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.

L’alimentazione Vegana è davvero costosa così come si pensa?

By 3 m read

L’ autentica alimentazione vegana, basata su cibi naturali e prodotti della Terra, permette di risparmiare mangiando in modo sano e gustoso.

Alimentazione Vegana: è davvero costosa?

Uno dei tanti pregiudizi che gravitano intorno all’alimentazione consiste nel credere che essa sia molto costosa. Questo disincentiva molte persone ad avvicinarsi al mondo vegan, ritenuto un “universo di nicchia”, riservato solo a quei pochi che se lo possono permettere.

Ma il costo della spesa per l’alimentazione vegana, in realtà è inferiore a quello sostenuto per una dieta onnivora che prevede anche carne, pesce, uova e formaggi.

Per prima cosa è necessario specificare che un’alimentazione vegana sana, naturale e bilanciata non si basa su cibi pronti come burger o polpette di soia, seitan, tofu, salumi e formaggi vegetali, che normalmente sono surrogati che vengono creati per alimentare il business che ruota attorno al mondo Veg, importante sempre ricordarsi che molte volte questi alimenti già preparati sono ricchi di calorie ed eccipienti per esaltare il sapore, che sicuramente non fanno molto bene.

 

food porn ricette con avocado

 

Questi, semmai, rappresentano una sporadica eccezione. La base dell’ alimentazione vegana sono i prodotti che Madre Terra ci dona: frutta e verdura fresca, legumi, semi oleosi (noci, mandorle, nocciole, anacardi, semi di lino e di zucca, etc…), cereali integrali. Tutti prodotti che chiunque può reperire in qualunque mercato o supermercato a pochi euro, per imparare a trasformare al meglio questi prodotti possiamo utilizzare dei libri di cucina, ormai presenti anche nelle librerie e su Amazon ed e possibile acquistarli a pochi euro.

Dunque, a ben vedere, gli alimenti su cui si fonda una dieta vegetale sono meno costosi delle materie prime necessarie agli onnivori: verdure, frutta, legumi e cereali, ad oggi, hanno prezzi inferiori di carne-pesce-uova-formaggi.

 

Alimentazione vegana: massima resa con minima spesa

Esistono piccoli trucchi per  seguire un’alimentazione vegana con benefici anche per il conto in banca.

1) Comprare direttamente dai produttori. Chi vive in campagna può trovare moltissimi contadini da cui acquistare i prodotti a prezzi  inferiori a quelli dei negozi, per preparare ottimi piatti vegetali.

Chi vive in città può iscriversi ai GAS (Gruppi d’Acquisto Solidale) che fanno ordini collettivi direttamente agli agricoltori per risparmiare sul prezzo finale sia per avere una qualità dei prodotti migliore.

2) Imparare a combinare gli alimenti nel modo giusto. Non è vero che le proteine vegane si trovano solo in alimenti costosi come seitan, tofu e alimenti a base di soia. Un piatto di legumi e cereali contiene tutte le proteine necessarie e la spesa è minima.

 

colazione con muesli, frutta, cereali e bacche di goji

 

3) Imparare a riciclare: la frutta un po’ troppo matura può diventare un’ottima torta insieme al pane raffermo. Avete cotto troppa verdura? Fateci polpette o una zuppa. 

 

ricetta zuppa di zucca
Zuppa con pane all’acqua soffiato

 

4) Sì alla doggy bag! Ogni volta che si va a pranzo o cena fuori è buona cosa avere con sé una borsina per portare i nostri eventuali avanzi. In questo modo non solo eviteremo che finiscano nella spazzatura ma avremo anche un pasto, praticamente, gratuito per il giorno seguente, soprattutto calcolando che nei ristoranti vegani o vegetariani molte volte i piatti sono di prezzo superiore, giusto per farci ricordare che la nostra scelta etica per qualcuno è un mero business.

Share this article

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 Comment
    • […] Un’alimentazione sana è determinante per prevenire e contrastare parecchie malattie. Certo da sola non basta: è necessario anche fare un po’ di movimento, dormire almeno 7-8 ore a notte e cercare, per quanto possibile, di evitare inquinamento e stress psicofisico. […]