Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
smalto semipermanente: tutto quello che c'è da sapere

Negli ultimi anni, il mondo dell’estetica ha visto l’introduzione del semipermanente unghie, un prodotto che ci consente di avere le mani curate per due settimane.

Si tratta di una vera e propria innovazione: tantissime donne scelgono di sottoporsi a tale trattamento, così da non avere il fastidio di dover effettuare continui ritocchi.


La composizione dello smalto semipermanente


Lo smalto semipermanente è composto principalmente dall’acrilico, ossia un materiale plastico che garantisce la lunga durata. Tuttavia, a differenza del classico smalto unghie, risulta più invasivo. Proprio per questo, va abbinato ad altri prodotti di fissaggio, come ad esempio la base coat e il top coat.

L’aderenza vera e propria avviene attraverso una lampada a LED e l’utilizzo di raggi UV: in questo modo lo smalto si indurirà istantaneamente, donando alle vostre mani un aspetto gradevole.


Pro e contro dello smalto semipermanente


Gli aspetti positivi del semipermanente unghie sono tantissimi. Oltre alla lunga durata, si applica rapidamente, è comodo e offre dei risultati professionali. Allo stesso tempo però, richiede una certa cura, costicchia e non va rimosso con un solvente qualunque. Esistono infatti, dei rimuovi smalto specifici, che si possono tranquillamente trovare in commercio.
Così come i kit completi: si può scegliere infatti di rivolgersi ad un’estetista o di acquistare il necessario per effettuare il trattamento in maniera autonoma.


Lo smalto permanente danneggia le unghie


In teoria no, specialmente se ci si rivolge ad estetiste competenti o si acquistano dei prodotti di qualità.
Più che altro, si consiglia di fare delle piccole pause tra un trattamento e l’altro, in quanto le nostre unghie hanno bisogno di “respirare”. Lo smalto tende a fare da copertura, non consentendo ad esempio, la diretta assunzione di vitamina D, fondamentale per il nostro organismo. Inoltre, potrebbe indebolire l’unghia, rovinandola.


Ricostruzione con smalto semipermanente


Bisogna tenere a mente che lo smalto unghie e lo smalto semipermanente non correggono in alcun modo la forma dell’unghia.

Esiste però il gel semipermanente, il quale risulta essere l’unico metodo in grado di apportare modifiche. Per effettuare tale trattamento, è necessario disporre di un kit ancor più professionale, contenente i seguenti strumenti:

  • Lime per unghie
  • Cartine per allungamento
  • Cartine per tip
  • Pennellini
  • Olio per cuticole
  • Rimuovi cuticole
  • Disinfettante
  • Gel di vari colori
  • Lampada UV e tanto altro ancora


Metodo fai da te vs. metodo professionale


Come vi abbiamo accennato in precedenza, è possibile sottoporsi a delle sedute di smalto semipermanente sia in perfetta autonomia che presso un centro estetico.

Chi sceglie il metodo fai da te, non ha bisogno di particolari competenze in merito, soltanto un pò di manualità. Allo stesso tempo però, risulta essere meno comodo del metodo professionale e richiede un piccolo investimento iniziale, ossia l’acquisto di tutto l’occorrente.

Tuttavia, nel caso in cui si decidesse di optare per l’estetista, è fondamentale saper fare una giusta selezione, onde evitare di spendere soldi inutilmente.


Smalto semipermanente fai da te: occorrente


Prima di procedere ad applicare lo smalto semipermanente, vediamo quali sono i passaggi e il materiale utile che serve per realizzare uno smalto permanente.
In commercio esistono diverse soluzioni per la stesura dello smalto semipermanente, oppure trovate diversi kit appositi. Prima di procedere con le unghie fai da te, ecco cosa serve:

1. Base per unghie;
2. Smalto semipermante colorato o quello che preferite se utilizzate più di un colore;
3. Lampada a raggi UV
4. Olio per cuticole

Il procedimento per l’applicazione dello smalto semipermanente è abbastanza semplice, infatti vedremo nel paragrafo successivo in che modo eseguire lo smalto semipermanente fai da te.


Smalto semipermanente fai da te


Se sei alle prime armi e non hai idea di come applicare lo smalto semipermanente, una soluzione ideale sarebbe quella di recarsi in un centro estetico oppure guardare diversi tutorial amatoriali su youtube, o anche professioniste su “come applicare lo smalto semipermanente“.

Prendersi cura delle proprie unghie, può non solo un ottimo biglietto da visita, dal momento che le mani sono sempre in vista e a contatto con le persone, ma assicurano anche un senso di pulizia personale.

Dopo aver appreso le miglior tecniche e i trucchi del mestiere, scopriamo quali sono i passaggi per poter applicare lo smalto semipermanente fai da te:

1. Prima di procedere con l’applicazione dello smalto o altro materiale, date una forma alle unghie come più vi piace, dopodichè prendete una limetta per unghie tipo il buffer per unghie e iniziate a limare l’unghia opacizzandola (ovviamente rimuovete la polvere in eccesso);

2. Il secondo passaggio o viceversa (come vi trovate meglio voi), è quella di andare a sistemare le cuticole dell’unghia;

3. Applicate una base trasparente o base finish e disponete la mano all’interno della lampada UV per almeno 10 secondi circa (in base alla marca della lampada), il tempo necessario per il fissaggio dello smalto;

4. Applicate il vostro colore preferito su tutte le unghie e disponete nuovamente la mano all’interno della lampada UV ancora per qualche secondo, ripetere lo stesso passaggio applicando almeno una seconda volta lo smalto colorato e riponete la mano ancora una volta all’interno della lampada UV;

5. Ultimiamo con un’applicazione di base trasparente o top coat e riponete la mano all’interno della lampada UV per l’asciugatura.

6. Assicuratevi che le unghie siano asciutte e che non si sfaldino e applicate massaggiando un pò di olio per unghie, per renderle più morbide e lisce.


Come togliere il semipermanente


Togliere lo smalto semipermanente non richiede abilità specifiche. Scopriamo insieme quali sono i materiali che servono per rimuovere lo smalto semipermanente fai da te.

1. Solvente
2. Cotone idrofilo o Ovatta
3. Lima per unghie

Il primo passaggio per eliminare definitivamente lo smalto semipermanente fai da te, è quello di limare l’unghia per rimuovere una buona parte dello smalto. Successivamente prendete un dischetto struccante o un pò di ovatta e imbevetelo di solvente per eliminare lo smalto residuo rimasto, tenendelo premuto per qualche secondo o più di qualche minuto, nel caso non dovesse togliersi immediatamente lo smalto.

Ora che avete rimosso lo smalto semipermanente, lasciate riposare l’unghia per qualche giorno, in modo che possa respirare senza stressarsi eccessivamente. Potete invece applicare, uno smalto trasparente o base e successivamente applicare lo smalto semipermanente, così da non dover danneggiare l’unghia inutilmente.

Vedi le offerte su Amazon

Ultimo aggiornamento il 30 Novembre 2020 20:12
Latest posts by Linda (see all)

Share this article

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Comments Yet.